Contenuto principale

Fiabe

 

 Adriana Savarino

Antonella Buffo

 

"C'ERA UNA VOLTA..." ED ECCO CHE IMMEDIATAMENTE CI TROVIAMO IN PAESI LONTANI,
IN UN TEMPO SENZA TEMPO; INCONTRIAMO STRANI PERSONAGGI
E PROPRIO L'INDETERMINATEZZA DEL LUOGO E DEL TEMPO CREA QUELL'ALONE DI MAGIA
CHE SI RESPIRA QUANDO SI ENTRA IN CONTATTO CON LA FIABA."

GIFS ÉTOILES

ASCOLTARE UNA STORIA O UNA FIABA PER IL BAMBINO SIGNIFICA ENTRARE IN UN MONDO FANTASTICO.

OGNI BAMBINO PORTA DENTRO DI SÉ UNA GRANDE RICCHEZZA, UN UNIVERSO FANTASTICO SENZA LIMITI.

LA FIABA PERMETTE AI BAMBINI DI ESPRIMERE LA PROPRIA VITA INTERIORE,

LE PROPRIE EMOZIONI, I PROPRI SENTIMENTI, LE PROPRIE FANTASIE.

COME AFFERMA BRUNO BETTELHEIM, NEL SUO LIBRO "IL MONDO INCANTATO", PER MEZZO 

DELL'IDENTIFICAZIONE CON L'EROE CHE SUPERA

LA PROVA NARRATA DALLA FIABA, IL BAMBINO RICAVEREBBE UNA PROFONDA RASSICURAZIONE PERSONALE NEI CONFRONTI DELLA PROPRIA CRESCITA UMANA.

LA FIABA SUGGERISCE CHE LA VITA È UN PERCORSO AD OSTACOLI CHE BISOGNA AFFRONTARE CON

CORAGGIO, INTELLIGENZA, FIDUCIA NEL FUTURO

E NELLE PROPRIE FORZE.IN TAL MODO LE PROVE VERRANNO SUPERATE ANCHE CON AIUTI PROVVIDENZIALI.


IL BAMBINO, INOLTRE, MENTRE SI DIVERTE AD ASCOLTARE STORIE, ACQUISISCE ABILITÀ ESSENZIALI PER IL FUTURO

APPRENDIMENTO DELLA LETTURA, STUDIA CON MOLTA ATTENZIONE LE STORIE CHE LO AFFASCINANO, COMINCIA A DISTINGUERE

PER CONTO SUO ALCUNE PAROLE E IMPARA A RICONOSCERLE.

 

 

  • Livre Gif Livres

 

 


LE FIABE NON È SOLO BELLO LEGGERLE O ASCOLTARLE,

MA ANCHE INVENTARLE...

  • Livre Gif Livre D'or

 

LA FIABA RISPONDE AI BISOGNI FANTASTICI DEI BAMBINI E RAPPRESENTA UN MOMENTO MAGICO DELLA

COMUNICAZIONE ADULTO-BAMBINO ED E' UNO STRUMENTO LINGUISTICO-COGNITIVO-PSICOLOGICO MOLTO IMPORTANTE.

NEL CONTESTO ATTUALE DOVE I MEZZI DI COMUNICAZIONE DI MASSA HANNO UN' ESTREMA DIFFUSIONE E I BAMBINI

SONO SPETTATORI ASSIDUI E PASSIVI E' IMPORTANTE RECUPERARE IL SENSO E IL VALORE DELLA FIABA.

LA FIABA CATTURA L' INTERESSE DEL BAMBINO E, CREANDO UN' ATMOSFERA SPECIALE, GLI PERMETTE DI IDENTIFICARSI

CON I VARI PERSONAGGI, DI VIVERE CON LORO AVVENTURE, PAURE, SOGNI ESPRIMENDO SENTIMENTI ED EMOZIONI.

.

 

  FIABE INVENTATE DAI BAMBINI DI 5 ANNI DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ANDEZENO

 fata22

LA STORIA DI BERTO

(STORIA INVENTATA DAI BIMBI)

 

MAMMA E PAPA’ GAZZA LADRA AVEVANO COSTRUITO IL LORO NIDO IN UN BOSCO SU UN GRANDE ALBERO. UN BEL GIORNO NACQUE  BERTO, IL LORO UNICO FIGLIO. TUTTI I GIORNI I GENITORI ANDAVANO IN CERCA DI CIBO, LASCIANDO IL LORO PICCOLO NEL NIDO, PERCHE’ NON SAPEVA VOLARE.

UN MATTINO UN SIGNORE ACCESE UN FUOCO IN UNA RADURA PER RISCALDARSI, MA ALL’IMPROVVISO ARRIVO’ UN FORTE VENTO CHE PORTO’ LE FIAMME IN TUTTO IL BOSCO. IL PICCOLO BERTO INIZIO’ A PIANGERE PERCHE’ CAPI’ CHE LE FIAMME STAVANO RAGGIUNGENDO IL SUO NIDO.

PER FORTUNA NELLE VICINANZE VIVEVA UN ELEFANTE MOLTO CORAGGIOSO, APPENA VIDE IL FUOCO ANDO’ AL FIUME A FARE RIFORNIMENTO D’ ACQUA, VELOCEMENTE RAGGIUNSE IL FUOCO E CON POTENTI SPRUZZI SPENSE L’INCENDIO.

IN QUEL MOMENTO ARRIVARONO LA MAMMA E IL PAPA’ DI BERTO, ERANO MOLTO SPAVENTATI PERCHE’ AVEVANO VISTO IL FUOCO E IL FUMO DA LONTANO E TEMEVANO CHE AVESSE RAGGIUNTO IL LORO NIDO.

QUANDO VIDERO CHE L’ELEFANTE AVEVA SALVATO IL LORO PICCOLO FURONO TALMENTE FELICI CHE, PER RINGRAZIARE L’ELEFANTE, DECISERO DI FARE UNA GRANDE FESTA CON TUTTI GLI ANIMALI DEL BOSCO.

L’ELEFANTE AVEVA SALVATO IL PICCOLO BERTO, MA ANCHE TUTTI GLI ALBERI E GLI ANIMALI!!!

Risultati immagini per gazze uccelli

 

 

 

SCIULE’ E CARDERA (2017/2018)

 

TANTI ANNI FA VIVEVANO AD ANDEZENO SCIULE’ E CARDERA. AVEVANO UNA BELLA CASETTA CIRCONDATA DA UN ORTO.

NELL’ORTO COLTIVAVANO CIPOLLE, CARDI E ZUCCHE. ERANO MOLTO FELICI PERCHE’ VENDEVANO LE LORO VERDURE E

GUADAGNAVANO TANTI SOLDI. UN BEL GIORNO PERO’ UNA STREGA CATTIVA ED INVIDIOSA TRASFORMO’ CIPOLLE,

CARDI E ZUCCHE IN SERPENTI, RAGNI E PIPISTRELLI!!!

SCIULE’ E CARDERA PIANGEVANO DISPERATI, MA IL GIGANTE BUONO CHE VIVEVA NEL CASTELLO SENTENDO

I LAMENTI ANDO’ A VEDERE E DECISE DI AIUTARE I DUE AMICI. INIZIO’A CALPESTARE I SERPENTI, I RAGNI ED

I PIPISTRELLI. CON I SUOI ENORMI PIEDI FU VELOCISSIMO. SCIULE’ E CARDERA ERANO FELICI COSI’ DECISERO

DI FARE UNA FESTA ED INVITARE GLI AMICI. PREPARARONO UNA GRANDE E BUONISSIMA TORTA DI ZUCCHE!!!

torta-immagine-animata-0014

 

 

 

 UNA GIOSTRA FANTASTICA 82016/2017)

 

 PITTORE GUIDO APPENDINO

FIABA INVENTATA PARTENDO DA UN QUADRO OSSERVATO

 C’ERA UNA VOLTA IN UN PICCOLO PAESE UNA GIOSTRA FANTASTICA.

 ERA ROTONDA CON UN GIARDINO IN MEZZO E TANTE CASETTE COLORATE TUTTO ATTORNO.

 I BAMBINI ERANO FELICI PERCHE’ SI POTEVA SALIRE SULLA GIOSTRA SENZA PAGARE IL BIGLIETTO.

 UNA VOLTA SALITI SI SENTIVANO DELLE MUSICHETTE BELLISSIME, LA MONFERRINA, LA TARANTELLA E TANTE ALTRE.

 UNA SERA D’ESTATE PERO’ AVVENNE UNA COSA TERRIBILE!!! ARRIVO’ UN TEMPORALE CON TANTI FULMINI ,

TUONI ED UN VENTO FORTISSIMO CHE  STRAPPARONO TUTTI I FIORI DEL GIARDINETTO E STACCARONO ALCUNI PEZZI DELLA GIOSTRA.

  LA GIOSTRA SI FERMO’ E SMISE DI  GIRARE.

  IL MATTINO SEGUENTE I BAMBINI ,VEDENDO IL DISASTRO, INIZIARONO A PIANGERE. UNA NONNINA CHE PASSAVA DI LI’ 

DISSE AI BAMBINI CHE PER FAR FUNZIONARE LA GIOSTRA DOVEVANO RIPIANTARE  TANTI FIORI NEL GIARDINETTO

E TUTTI I GIORNI INNAFFIARLI E CURARLI.

 FU DAVVERO UNA MAGIA!!!!!!

 LA GIOSTRA RIPRESE A GIRARE ED I BAMBINI AD ESSERE FELICI, VOLEVANO RINGRAZIARE LA NONNINA ,

MA NON LA VIDERO PIU’ , ERA SICURAMENTE UNA FATA BUONA CHE VOLEVA BENE

 A TUTTI LORO.

 

STORIA DI CARNEVALE (2016/17)

 

TANTI ANNI FA IN UNA PICCOLA CASETTA IN MONTAGNA VIVEVA ARLECCHINO.

UN GIORNO MENTRE SI PREPARAVA PER ANDARE ALLA FESTA DI CARNEVALE VIDE ARRIVARE IL SUO AMICO PULCINELLA.

PULCINELLA ERA UN BAMBINO BURLONE E SI DIVERTIVA A FARE SCHERZI A TUTTI, INFATTI APPENA ARLECCHINO USCI’ UN ATTIMO,

PULCINELLA ROVESCIO’ SULLA SEDIA UN BARATTOLO DI COLLA.

ARLECCHINO ENTRATO IN CASA SI SEDETTE E RIMASE APPICCICATO ALLA SEDIA, INIZIO’ A PIANGERE DISPERATO PERCHE’

MENTRE CERCAVA DI ALZARSI STRAPPO’ IL VESTITO.

GIACOMETTA, AMICA DI ARLECCHINO, SENTI’ IL PIANTO DEL SUO AMICO , PRESE AGO, FILO E CUCI’ ALTRE TOPPE COLORATE.

IL VESTITO DI ARLECCHINO SEMBRAVA NUOVO!!!!!!!

ARLECCHINO FELICE INVITO’ PULCINELLA, GIACOMETTA E TANTI ALTRI AMICI ALLA SUA FESTA DI CARNEVALE.

 

 

STORIA INVENTATA PARTENDO DA UN QUADRO OSSERVATO(2016/17)

http://artelista.s3.amazonaws.com/obras/big/5/3/7/2932827357292244.jpg

 

TANTI ANNI FA, IN UN PAESE MOLTO LONTANO VIVEVANO FELICI TANTE PERSONE CON I LORO ANIMALI:

OCHE, MAIALINI, TACCHINI... A DICEMBRE PERO' ACCADEVA UNA COSA MOLTO BRUTTA: NON PASSAVA BABBO NATALE !!!!

GLI ABITANTI NON SAPEVANO COSA FARE, MA UN BEL GIORNO UN BAMBINO EBBE UN' IDEA BELLISSIMA 

E SUGGERI' DI COSTRUIRE LE LORO CASETTE SOPRA UN ALBERO ALTISSIMO PER ESSERE PIU' VICINI AL CIELO 

E PER NON FAR FARE TROPPA STRA A BABBO NATALE.

INIZIARONO I PREPARATIVI:  NEL TRONCO MISERO L'ASCENSORE, SUI RAMI LE CASETTE, E AL POSTO DELLE FOGLIE

MISERO AQUILONI E PALLONCINI. LA NOTTE DI NATALE AVVENNE UNA MAGIA...

ARRIVO' BABBO NATALE CON TANTI DONI. GLI ABITANTI ERANO COSI' FELICI CHE DECISERO DI RIMANE PER SEMPRE SOPRA L'ALBERO.

 

 

 

 IL BEL SIULE' E LA BELA CARDERA (2016/2017)

TANTI ANNI FA, VIVEVANO AD ANDEZENO IL BEL SIULE' E LA BELA CARDERA.

VIVEVANO FELICI IN UNA BELLA CASETTA ED AVEVANO UN GRANDE ORTO.

COLTIVAVANO TANTI ORTAGGI, CARDI, CIPOLLE, ZUCCHE, POMODORI, CAROTE...

UN GIORNO PERO' UNA ZUCCA SI TRASFORMO' IN UN MOSTRO, DIVENNE ENORME E

COMINCIO' A SALTARE SUGLI ALTRI ORTAGGI DISTRUGGENDOLI TUTTI.

SIULE' E CARDERA PIANGEVANO PERCHE' NON RIUSCIVANO A FERMARLA. IL LORO

PIANTO GIUNSE FINO NEL BOSCO VICINO, DOVE VIVEVA UNA FATINA BUONA, SENTENDO LA DISPERAZIONE 

DEI DUE AMICI INTERVENNE IMMEDIATAMENTE E CON LA SUA BACCHETTA MAGICA FERMO' LA ZUCCA.

DECISERO DI FESTEGGIARE INSIEME E PREPARARONO UNA BUONISSIMA TORTA DI ZUCCA!!!!

 

 

FIABA DI PRIMAVERA (2015/2016)

LE TRE OCHETTE

 

AD ANDEZENO VIVEVANO TRE SORELLE, BIANCHINA, MARGHERITA E NUVOLA, ERANO TRE OCHETTE BIANCHE.

LA LORO CASETTA ERA  VICINO ALLO STAGNO, CIRCONDATA DA UN PRATO ACCANTO AD UNA FATTORIA.

LE SORELLE ATTENDEVANO L’ARRIVO DELLA PRIMAVERA PER POTER FARE IL BAGNO NELLO STAGNO

E PER POTER MANGIARE L’ERBA FRESCA DEL PRATO. IL PRIMO POMERIGGIO DI SOLE DECISERO

DI FARE UNA  PASSEGGIATA TRA I FIORI E FARE UNA BELLA SCORPACCIATA DI ERBA FRESCA, MA….

SENTIRONO UN RUMORE TERRIBILE PROVENIRE DALLA  FATTORIA E IN UN ATTIMO SI TROVARONO

DI FRONTE UN ENORME TORO CHE DISSE LORO:” COSA FATE NEL MIO PRATO?????

VOI QUI NON POTETE ENTRARE!!!! ORA VI INFILZERO’ CON LE MIE CORNA” LE OCHETTE IMPAURITE

INIZIARONO A TREMARE, SAPEVANO CHE NON AVREBBERO AVUTO NESSUNA POSSIBILITA’ DI FUGGIRE.

ALL’IMPROVVISO IL TORO SI FERMO’ ED INIZIO’ A MUGGIRE DI DOLORE, ERA STATO PUNTO

DAL CALABRONE BERTINO, CHE VEDENDO LE SORELLE IN PERICOLO ERA VOLATO IN LORO AIUTO.

PASSATA LA PAURA, BIANCHINA, MARGHERITA E NUVOLA PREPARARONO UNA BUONISSIMA

TORTA CON MIELE E POLLINE PER IL LORO AMICO BERTINO. DA QUEL GIORNO VISSERO SEMPRE INSIEME .

 

 

LO SCOIATTOLO GIORGIO (2015/16)

 

TANTI ANNI FA , NEL GIARDINO DELLA SCUOLA DELL’INFANZIA DI ANDEZENO, VIVEVA LO SCOIATTOLO GIORGIO.

AVEVA UNA MERAVIGLIOSA CODA GRIGIA, I BAMBINI ERANO FELICI DI VEDERE GIORGIO SALTELLARE SUGLI ALBERI ,

SPESSO SI DIVERTIVA A LANCIARE LE NOCCIOLINE AI BIMBI.

ARRIVO’ L’AUTUNNO E COME TUTTI GLI ANNI GIORGIO INIZIO’ A PREPARARE  LA TANA,gif animate scoiattolo (19)

RACCOGLIEVA FOGLIE, NOCCIOLE, GHIANDE…PER L’INVERNO

MENTRE ERA INTENTO A LAVORARE SI SENTI’ TIRARE LA CODA. SPAVENTATO SI GIRO’ E VIDE RICCARDO,

UN BAMBINO DISPETTOSO,CHE  VOLEVA STRAPPARGLI  LA CODA !!!!

GIORGIO INIZIO’ A PIANGERE TANTO FORTE AL PUNTO DI SVEGLIARE LA CIVETTA CHE DORMIVA SULL’ALBERO.

LA CIVETTA APRI’ GLI OCCHI E SUBITO’ CAPI’ CHE GIORGIO ERA IN PERICOLO,  SPICCO’ IL VOLO ,

PRESE RICCARDO PER I CAPELLI ED INIZIO’ A VOLARE CON RICCARDO APPESO AGLI ARTIGLI.

QUESTA VOLTA FU RICCARDO A PIANGERE SPAVENTATO.  APPENA LA CIVETTA LO DEPOSITO’ NEL PRATO

IL BAMBINO CAPI’ IL SUO SBAGLIO E PER RIMEDIARE PORTO’ UN SACCHETTO DI NOCCIOLINE ALLO SCOIATTOLI,

GLI CHIESE SCUSA E DA QUEL MOMENTO DIVENTARONO AMICI!

 

 

 

 

IL PUPAZZO FIOCCODINEVE (2015/2016)

DURANTE LE VACANZE DI NATALE UN GRUPPO DI BAMBINI DECISE DI COSTRUIRE UN BELLISSIMO PUPAZZO DI NEVE

E LO CHIAMARONO FIOCCODINEVE. ERA BELLISSIMO, BIANCO CON UNA SCIARPA ED UN BERRETTO DI LANA ROSSO,

IL PUPAZZO ERA FELICE PERCHE’ TUTTI I GIORNI I BAMBINI GIOCAVANO ACCANTO A LUI E GLI TENEVANO COMPAGNIA.

UN BEL GIORNO NON LI VIDE PIU’, LE VACANZE ERANO TERMINATE ED I BAMBINI NON AVEVANO PIU’ TEMPO PER GIOCARE,

FIOCCODINEVE ERA SEMPRE PIU’ TRISTE, UNA SERA PERO’ SENTI’ UNO STRANO RONZIO…ZZZZ  ZZZZ  ZZZ,

NON POTEVA ESSERE UN’APE PERCHE’ IN INVERNO SONO TUTTE AL CALDO NELLA LORO CASETTA!!!! IL RONZIO SI AVVICINAVA

SEMPRE DI PIU’ FINO A QUANDO FIOCCODINEVE SI SENTI’ SFIORARE DA UN BATTITO DI ALI, ERA UN’APE! INCREDIBILE

UN’APE TUTTA SOLA IN INVERNO, MIELINA, QUESTO ERA IL SUO NOME, SI ERA SMARRITA, NON TROVAVA PIU’ LA SUA CASA

E LA SUA FAMIGLIA . SAPEVA CHE CON IL FREDDO NON POTEVA VIVERE A LUNGO. FIOCCODINEVE LE DISSE DI RIPARARSI

DAL FREDDO SOTTO IL SUO BERRETTO DI LANA COSI’ POTEVANO STARE VICINI TUTTO L’INVERNO. ERANO FELICI TUTTE E DUE,

MA UNA SERA SENTIRONO DEGLI STRANI RUMORI PROVENIRE DAL BOSCO, ERA IL CINGHIALE E DOVE PASSAVA LUI

NON RIMANEVA NULLA. APPENA VIDE IL PUPAZZO SI AVVICINO’ PER DISTRUGGERLO, MA MIELINA SI ACCORSE DEL PERICOLO

E CON IL SUO PUNGIGLIONE PUNSE IL NASO DEL CINGHIALE, SPAVENTATO CORSE VIA E NON SI AVVICINO’ MAI PIU’ AL PUPAZZO.

MIELINA E FIOCCODINEVE ERANO FELICI, NESSUNO POTEVA FAR LORO DEL MALE!!!!

   ins                     Risultati immagini per gif animate con pupazzi di neve     

FATA RUGIADA IN AFRICA

 

 UN GIORNO FATA RUGIADA, CHE VIVEVA IN ITALIA  TRA VERDI COLLINE, DECISE DI FARE UN VIAGGIO IN AFRICA PER CONOSCERE POSTI NUOVI.

DOPO UN LUNGO VOLO ARRIVO' IN UN POSTO UN PO' STRANO E MOLTO DIVERSO DAL LUOGO IN CUI ERA ABITUATA A VIVERE.

TUTTO ERA SECCO ED ARIDO IN QUEL DESERTO E LE UNICHE PIANTE ERANO LE PALME ED I CACTUS.

LA FATA, STANCA PER IL VIAGGIO, VERSO SERA DECISE DI ANDARE A RIPOSARSI E QUANDO VIDE UNA GROTTA PENSO’ CHE QUELLO FOSSE IL LUOGO ADATTO.

RUGIADA PERO' NON SAPEVA CHE QUELLO ERA IL RIFUGIO DEL TERRIBILE "PIPISTRELLO VAMPIRO" DAGLI OCCHI ROSSI.

  LA FATA STAVA GIA' PER ADDORMENTARSI QUANDO IL VAMPIRO LE SI AVVICINO' TENTANDO DI MORDERLA.horror_pipistrelli (10)

RUGIADA SE NE ACCORSE IN TEMPO E PER LO SPAVENTO SI MISE A PIANGERE DISPERATA. FORTUNATAMENTE STAVA VOLANDO DA QUELLE PARTI

IL FALCO DAL CUORE BUONO CHE ACCORSE IN SUO AIUTO E LA SALVO' UCCIDENDO IL VAMPIRO CON I SUOI ARTIGLI.

LA FATA ERA COSI' FELICE CHE CHIESE AL FALCO COSA VOLESSE IN CAMBIO PER IL SUO GESTO GENEROSO.

IL FALCO LE DISSE CHE DESIDERAVA TANTO DIVENTARE UNA COLOMBA E COSI' RUGIADA FECE UNA MAGIA.

IL FALCO SI TRASFORMO' IN UNA SPLENDIDA COLOMBA BIANCA. POI PARTIRONO INSIEME PER L'ITALIA.

LA COLOMBA PORTO' SULLE SUE ALI RUGIADA E ARRIVATI FECERO UNA FESTA CON TUTTI GLI AMICI.

 

 

 

 IL VIAGGIO DI FATA STELLINARisultati immagini per rondini gif

 
   
  C'ERA UNA VOLTA STELLINA, UNA PICCOLA FATA, CHE VIVEVA IN UN FUNGO NEL BOSCO.
 
STELLINA TRASCORREVA LE GIORNATE GIOCANDO CON LO SCOIATTOLO, LA CHIOCCIOLA, IL RICCIO E LA RONDINE.
 
QUANDO ARRIVO' L'AUTUNNO, I SUOI AMICI NON AVEVANO PIU' TEMPO PER GIOCARE CON LEI: RACCOGLIEVANO PROVVISTE
 
E PREPARAVANO LE TANE PER IL LUNGO INVERNO. STELLINA ERA SEMPRE PIU' SOLA E TRISTE. LA RONDINE PASQUALINA
 
LA VIDE E LE PROPOSE DI ANDARE CON LEI VERSO PAESI PIU' CALDI. STELLINA ACCETTO', SALI' SULLE ALI DELLA RONDINE
 
ED INSIEME PARTIRONO PER IL LUNGO VIAGGIO. GIUNTE IN EGITTO, ORMAI STANCHE, SI FERMARONO SOPRA UNA PIRAMIDE
 
PER RIPOSARSI. DURANTE LA NOTTE, PERO', SENTIRONO TANTE VOCINE CHE CHIEDEVANO AIUTO: ERANO DELLE RONDINI
 
PRIGIONIERE DI UN FARAONE. STELLINA ALLORA FECE UNA MAGIA, CON LA SUA BACCHETTA MAGICA TRASFORMO'
 
 IL FARAONE IN UNA STATUA E LIBERO' LE RONDINI.LE RONDINELLE EGIZIANE, COME RINGRAZIAMENTO,
 
ORGANIZZARONO UNA FESTA PER STELLINA E PASQUALINA NELL'OASI VICINO ALLA PIRAMIDE
 
 
 
IL TOPO MICERINO
 
 
C'ERA UNA VOLTA NEL DESERTO UN TOPO CON GRANDI ORECCHIE, SI CHIAMAVA MICERINO. VIVEVA IN UNA PIRAMIDE,
 
MA ERA SEMPRE SOLO, NON C'ERANO ALTRI TOPI, VEDEVA SOLO DEGLI UOMINI CHE ARMATI DI PALE SCAVAVANO NELLA SABBIA.
 
UN GIORNO DECISE DI ANDARE NELLA LONTANA OASI A TROVARE SUO CUGINO PER CERCARE COMPAGNIA. PREPARO'
 
LE VALIGIE E SI INCAMMINO', MA FATTI POCHI PASSI SULLA SABBIA SENTI' UN RUMORE FORTISSIMO, SI MISE A
 
 
TREMARE E SI RANNICCHIO' SPAVENTATO. VIDE UNA GRANDE AQUILA CON IL BECCO APERTO CHE STAVA AVVICINANDOSI
 
SEMPRE DI PIU'. CAPI' CHE ERA LA FINE, GIA' S'IMMAGINAVA DENTRO IL BECCO DELL'AQUILA, CHIUSE GLI OCCHI E ASPETTO'
 
, MA ALL'IMPROVVISO SENTI' UN FORTE COLPO, APRI' GLI OCCHI E VIDE L'ARCHEOLOGA CON LA PALA CHE COLPIVA L'AQUILA.
 
MICERINO ERA FELICE, DECISE DI FARE UN REGALO ALLA DONNA CHE GLI AVEVA SALVATO LA VITA COSI' LA GUIDO' VICINO
 
ALLA PIRAMIDE, LE INDICO' UNA STRANA PIETRA, L'ARCHEOLOGA SCAVO' E TROVO' UN BELLISSIMO TESORO.
 
MICERINO AVEVA TROVATO UNA NUOVA AMICA E INSIEME FESTEGGIARONO E DECISERO DI CONTINUARE INSIEME L'ESPORAZIONE DELLA PIRAMIDE.
 
 

 

RIC CARDO E PIATLINA

 

TANTI ANNI FA IN UN ORTO DI ANDEZENO VIVEVANO RIC CARDO E PIATLINA.

ESSI ERANO FELICI INSIEME

A TANTI ALTRI ORTAGGI: ZUCCHE, CAROTE, POMODORI...

UN GIORNO PERO' VIDERO ARRIVARE UN CONTADINO

CHE CON UNA GRANDE CESTA INIZIO' A RACCOGLIERE LE VERDURE

PER PORTARLE AL MERCATO. RIC CARDO E PIATLINA

NON VOLEVANO SEPARARSI COSI' INIZIARONO A PIANGERE.

SOTTO TERRA VIVEVA ROSINA LA TALPA MAGICA, SENTI'

DELLE GOCCIOLINE CADERE E INCURIOSITA USCI' A VEDERE COSA SUCCEDEVA.

TROVO' RIC CARDO E PIATLINA TRISTI,

SENTI' LA LORO STORIA, DECISE DI AIUTARLI E LI CONDUSSE

NELLA SUA LUNGA GALLERIA. ALL'IMPROVVISO

SI TROVARONO IN UN POSTO INCANTATO DOVE C'ERANO BAMBINI

CHE VIVEVANO FELICI: ERA IL GIARDINO DELLA SCUOLA.

I BAMBINI ASCOLTARONO LE PAROLE DELLA TALPA E DECISERO

DI PRENDERSI CURA DEL CARDO E DELLA CIPOLLA.

ORGANIZZARONO PER LORO UNA BELLA FESTA NELLA GRANDE

PIAZZA DEL PAESE. RIC CARDO E PIATLINA

RITROVARONO COSI' TUTTI I LORO AMICI ORTAGGI E

FECERO FESTA INSIEME A LORO.

 

 

 

 

FATA ARCOBALENO

 

C'ERA UNA VOLTA UNA FATA CHE SI CHIAMAVA ARCOBALENO.

VIVEVA IN UN CASTELLO NEL CIELO SOPRA UNA NUVOLA BIANCA.

UN GIORNO DECISE DI SCENDERE SULLA TERRA A FARE UNA PASSEGGIATA

NEL BOSCO PER RACCOGLIERE FRAGOLE, MORE, LAMPONI E MIRTILLI.

ARCOBALENO ERA GOLOSA DI MARMELLATE ALLA FRUTTA E LE USAVA

ANCHE PER FARE DELLE TORTE.

MENTRE STAVA RACCOGLIENDO I FRUTTI ALL'IMPROVVISO  SENTI'

UN RUMORE FORTISSIMO ALLORA SI MISE

A TREMARE E SI NASCOSE DIETRO UN CESPUGLIO.

UN GRUPPO DI VESPE GUERRIERE ARRIVO' NEL BOSCO E LA REGINA

DISSE: "PERCHE' RUBI IL NOSTRO CIBO?

ORA TI UCCIDEREMO CON IL NOSTRO PUNGIGLIONE AVVELENATO!"

A QUESTO PUNTO, IN AIUTO ALLA FATA, ARRIVO' UNO SCOIATTOLO CHE,

CON I SUOI DENTI AGUZZI,

RUPPE I PUNGIGLIONI DELLE VESPE E CON LA SUA CODA LE SCACCIO' VIA.

ALLA FINE FATA ARCOBALENO ORGANIZZO' UNA FESTA E PER RINGRAZIARE

LO SCOIATTOLO GLI REGALO' UNA TORTA AI FRUTTI DI BOSCO.

 

 

 

 

IL PRINCIPE CORAGGIOSO

 draghi 102

TANTI ANNI FA UN PRINCIPE ED UNA PRINCIPESSA VIVEVANO

FELICI IN UN CASTELLO NEL BOSCO.

UN GIORNO UN DRAGO CATTIVO RAPI' LA PRINCIPESSA E

LA RINCHIUSE IN UNA CAVERNA. IL PRINCIPE

ERA DISPERATO PERCHE' NON RIUSCIVA A TROVARLA.

UNO SCOIATTOLO LO VIDE PIANGERE E DECISE DI AIUTARLO.

LO SCOIATTOLO SI ARRAMPICO' SUGLI ALBERI PIU' ALTI DEL BOSCO

E CON LE SUE ORECCHIE A PUNTA SENTI'

LA PRINCIPESSA CHE GRIDAVA:"AIUTO, AIUTO! ". SUBITO LO SCOIATTOLO'

CHIAMO' IL PRINCIPE ED INSIEME

LA FECERO USCIRE DALLA CAVERNA IN CUI ERA STATA RINCHIUSA DA UN DRAGO.

IL PRINCIPE, CON LA SUA SPADA,

UCCISE IL DRAGO CHE DA TEMPO TERRORIZZAVA IL BOSCO.

LA PRINCIPESSA ED IL PRINCIPE FECERO UNA BELLA FESTA

NEL LORO CASTELLO INSIEME A TUTTI GLI ABITANTI DEL BOSCO.

 

 

 

 

.

 

 

 

 

 

.